CHIAMA IL 061234567 PER INFORMAZIONI

Il principale danno che colpisce il settore dell’edilizia è rappresentato dalle infiltrazioni d’acqua, che si manifestano tanto all’interno delle abitazioni costruite sui piani rialzati che nei locali seminterrati, ma che sono più frequenti negli interrati come garage, scantinati, ascensori, balconi e terrazze e fosse ascensorie.

Le principali cause delle infiltrazioni d’acqua

Le infiltrazioni d’acqua si riconoscono facilmente dalla presenza di macchie scure sui muri, dal distacco dell’intonaco dalle pareti e\o dal soffitto, dalla comparsa di muffa, dal sollevamento dei pavimenti, se non addirittura, dall’accumulo di acqua nel locale.
Le cause di infiltrazioni d’acqua possono essere molteplici, purtroppo non sempre evidenti, per cui occorre l’intervento di un professionista che, attraverso un accurato sopralluogo, individui l’origine del danno e proponga la soluzione ottimale, che garantisca la risoluzione definitiva del problema con interventi quanto meno invasivi possibile.
La rottura o la perdita dalle tubature provoca un accumulo più o meno veloce di acqua che all’inizio ristagna, per poi penetrare nel muro e provocare la comparsa di umidità; un’altra causa frequente di questo fastidioso inconveniente è provocato da un insufficiente isolamento dell’edificio rispetto all’esterno, per cui, in presenza di condizioni atmosferiche avverse, penetra acqua all’interno delle pareti, dal soffitto o da altre aperture, talvolta causa di veri e propri allagamenti, soprattutto nei locati seminterrati, o nei vani scala.
Più difficili da localizzare le microinfiltrazioni, se non da un abile ed esperto professionista, in grado di individuare le fessure responsabili delle infiltrazioni d’acqua. Queste sono dovute ad una progettualità poco attenta dell’isolamento dell’edificio, oppure all’uso di materiale isolante di scarsa qualità; si possono creare spaccature anche in conseguenza di movimenti strutturali, al ritiro di calcestruzzo nei punti di raccordo tra i muri verticali e il basamento, in corrispondenza di giunti e lastre predalles. I locali interrati inoltre sono soggetti ad infiltrazioni dovuti all’acqua di risalita dalle falde, un problema che si presenta in tutta la sua gravità con l’arrivo della pioggia e il conseguente innalzamento della falda acquifera.
In questi casi solo l’intervento di un professionista può individuare la vera causa ed eseguire interventi specifici e duraturi.

Interventi risolutivi per le infiltrazioni d’acqua

Bisogna intervenire subito per contenere il più possibile il problema, infatti le infiltrazioni di acqua rendono il locale inaccessibile, o comunque poco vivibile, inoltre la presenza di muffa e di funghi può essere causa di seri danni alla salute delle persone.
Spesso si tende a risolvere il problema dal punto di vista estetico, con il rifacimento dell’intonaco e la nuova tinteggiatura, salvo ritrovarsi nel giro di pochi mesi nelle identiche situazioni.
Nei casi meno gravi si deve aerare il locale e permettere la circolazione dell’aria, oppure, se la causa è da addurre a tubi spaccati, arginare la perdita con materiale sigillante o sostituirli.
Nel caso di microfessure occorre il sopralluogo di un professionista del settore dell’impermeabilizzazione, in grado di fornire una valutazione precisa del danno e indicare la soluzione più idonea, che disponga, inoltre, delle attrezzature specifiche e di manodopera specializzata, indispensabile se si decide di intervenire con iniezioni di resine idroespansive.
Se le infiltrazioni d’acqua interessano le terrazze, per evitare di smantellare tutta la copertura, dopo aver ripristinato la fuga, si può trattare la superficie con una soluzione liquida di resine siliconiche e polimeri organici, in grado di penetrare in profondità e sigillare le porosità, senza modificare il colore né l’aspetto della pavimentazione.
Se l’umidità è dovuta alla presenza di una falda acquifera, bisogna intervenire per bloccare la risalita dell’acqua sui muri, quindi usare dei materiali che contrastino la presenza dei sali responsabili della “sfarinatura” degli intonaci, infine creare all’interno dei muri un ciclo deumidificante.